Arrivo
Partenza
Adulti
Bambini
Età bambini
Castelli
Arrivo
Partenza
Adulti
Bambini
Età bambini

I castelli della Val di Non tra storia e antiche leggende

I castelli della Val di Non sono uno spettacolo in ogni momento dell’anno: tra i meleti in fiore in primavera, immersi nei colori accesi dell’autunno o stagliati sulle montagne innevate in inverno. Gli antichi manieri della nostra valle sono autentici testimoni silenziosi, edifici capaci di raccontare ai visitatori storie, leggende, gesta eroiche, ma anche la vita quotidiana di chi abbia vissuto prima di noi.

Una Valle, decine di castelli!

La nostra è la valle con il maggior numero di castelli, manieri, ville e residenze nobiliari di tutto il Trentino. Castel Thun, Castel Valer e Castel Nanno sono solo tre tra tutti i numerosissimi castelli della Val di Non che assieme formano un ricchissimo patrimonio storico, culturale e archeologico.

Soggiornando al Pineta potrai visitarli tutti, scoprire stanze, cucine, giardini e buie segrete. Alloggiando nel nostro resort riceverete la Trentino Guest Card che vi permetterà di accedere gratis a tutti i castelli più affascinanti del Trentino e della Val di Non: Castello d’Altaguardia, Castel Malgolo, Castel Belasi, Castel Coredo e tantissimi altri vi aspettano con i loro segreti!

Castel Thun, Castel Valer, Castel Nanno e gli altri: cavalieri, guerre e amori

I castelli della Val di Non sono veri portenti, strutture massicce che nel tempo hanno saputo resistere a guerre e invasioni di popoli nemici. Allo stesso tempo sono anche dimore decorate finemente con affreschi, panneggi e arredi raffinati ed eleganti. Gli appassionati di Medioevo e di storia antica vorranno sicuramente visitarli tutti… Ma quali sono i castelli della Val di Non davvero imperdibili?

Castel Thun

Castel Thun venne edificato sul dosso Belvesino e deve il suo nome e la sua fama proprio alla famiglia Thun, una delle casate più potenti del XIII secolo in Trentino. Il castello sorge a Vigo di Ton e sembra vegliare l’accesso alla Val di Non; nel corso dei secoli, il maniero fu vittima di incendi furiosi e di ristrutturazioni che lo portarono a raggiungere, tra il Cinquecento e il Seicento, il suo inconfondibile aspetto odierno. Un castello imponente ed elegante completo di mura, torri, fossato difensivo e ponte levatoio. Oltre alla ricca biblioteca, l’ambiente più bello di Castel Thun è la Stanza del Vescovo, una camera con stufa e arredata con il pregiato legno di cirmolo. Insomma, un po’ come le stanze del Pineta!

Castel Valer

Castel Valer sembra essere saltato fuori da un libro di storia medievale: il castello che domina il paese di Tassullo è infatti tra i manieri meglio conservati del Trentino. Le prime informazioni riguardanti questo castello risalgono al 1211, quando era una costruzione dedita alla semplice guardia militare. Furono i conti Spaur a renderlo ciò che è oggi, ovvero un edificio elegante in cui il verde dei giardini risplende sul grigio della pietra. La particolarissima torre ottagonale di Castel Valer, 40 metri di imponenza, fu eretta usando blocchi di granito: ancora oggi sembra osservare severa il territorio dall’alto.

Il Castello ancora oggi è residenza privata dei Conti Spaur, ma dal 7 luglio al 10 settembre è visitabile tutti i giorni grazie alle visite guidate. Da non perdere i due appuntamenti con i Cocktail d’Autore in programma ad agosto nei giardini del castello! Protagonisti saranno i nostri cocktail, i gustosi prodotti della Strada della Mela e tanta bella musica.

Castel Nanno

Castel Nanno, come quasi tutti i castelli della Val di Non, sorge su un’altura e sembra scrutarci mentre ci avviciniamo.  La sua forma ricorda immediatamente una fortezza militare austera e impenetrabile: la torre centrale e le torrette a ogni angolo delle mura dovevano intimidire i nemici in avvicinamento; una volta oltrepassate la sua cinta muraria scoprirete la storia di due Melisenda e Ludovico. La bella Melisenda di Castel Nanno e Ludovico di Castel Sporo erano due giovani innamorati appartenenti a famiglie rivali; nonostante il veto dei loro genitori la coppia continuava a coltivare il proprio amore. Un giorno però il padre di Melisenda li sorprese e decise di porre fine alle loro vite: vennero murati vivi in due piccole nicchie all’interno del castello. Molti sostengono che durante le notti di maggio si possano udire i loro lamenti. Che paura!

Castel Caldes

L’imponente maniero di Castel Caldes, posto sul confine tra la Val di Non e la Val di Sole, venne realizzato all’inizio del ‘200 per controllare il traffico commerciale nella vallata. Inizialmente casa-torre per Rambaldo ed Arnoldo da Cagnò, la struttura venne ampliata e ultimata dalla famiglia Thun. Attenzione però, Castel Caldes è infestato dal fantasma di Olinda, giovane promessa data in sposa dal padre Rodemondo ad un uomo che lei non amava. Olinda rivolgeva infatti tutte le sue attenzioni ad Arunte, il menestrello di corte, che ricambiava il suo amore. Fu così che il padre decise di imprigionare Olinda ed uccidere il menestrello. Durante la prigionia la giovane riempì la stanza di splendidi affreschi, ma una volta appresa la morte del suo amato fu colpita dal dispiacere: morì anche lei. Da allora sembra che la sua anima si aggiri senza meta per le stanze del castello.

Oggi Castel Caldes è prestigiosa sede di esposizioni temporanee ed avvenimenti culturali.

Castello del Buonconsiglio

Se alloggiate in Val non Non e fate visita a Trento, non perdetevi il Castello del Buonconsiglio, il più vasto complesso monumentale della regione. Il castello è formato da una serie di edifici appartenenti ad epoche diverse abbracciati dalla cinta muraria. Il Buonconsiglio fu la residenza dei principi vescovi e per questo molte sale sono finemente affrescate. La Torre dell’Aquila con il suo Ciclo dei Mesi risalta tra gli esempi di arte medievale più rappresentativi dell’epoca.

Non molti sanno però che il Castello del Buonconsiglio, in un tempo lontano, era stato battezzato Castello del “Malconsiglio”. Volete scoprire perché? Pare che in epoche antiche si riunissero sotto la Torre d’Augusto gruppi di streghe che si divertivano a lanciare sulla città temporali ed alluvioni. Se fate attenzione potrete vedere anche lo spirito della giovane donna vestita di bianco che lava i panni nella fontana del castello.

Castel Drena

Scendiamo più a sud, verso il Lago di Garda, per avventurarci sulla rupe di Castel Drena. Costruito nel XII secolo, questo castello sorge in posizione strategica e osserva dall’alto la Valle del Sarca e le affascinanti Marocche di Dro. Si dice che a Castel Drena si custodisse un prezioso tesoro e che i castellani, vinti da cruenti nemici, dovettero lasciare in fretta la loro dimora e quindi le loro ricchezze. Ma chi rimase a custodire il prezioso tesoro? Un soldato, un servitore, un contadino? No! Il diavolo in persona! I più coraggiosi cercarono di impossessarsene leggendo il Vangelo ma il diavolo, infischiandosene, avrebbe chiesto loro l’anima in cambio delle monete d’oro. Nessuno rischiò così tanto.

Castel Beseno

Castel Beseno, posto sulla sommità di una collina a metà strada tra Trento e Rovereto, è il complesso fortificato forse più conosciuto di tutto il Trentino grazie a emozionanti rievocazioni di battaglie campali. Tuttora è un castello avvolto da mille dicerie e leggende favolose.
Si racconta delle apparizioni dell’uomo vestito di rosso dinanzi ai visitatori solitari, alla leggenda del cavaliere nero che governava su Besenello tra assurde pretese e continui soprusi… Oppure di terrificanti urla degli spiriti erranti che escono dal Castello…

Castello di S. Michele

Il Castello di S. Michele, chiamato anche Castello di Ossana, sorge su uno sperone di roccia in posizione strategica per il controllo dei carovanieri che attraversavano la Val di Sole per raggiungere il Tirolo. L’elemento architettonico più caratteristico e meglio conservato dell’intero complesso è il possente mastio alto 25 metri. Gli appuntamenti estivi del castello sono imperdibili: aperture serali con degustazioni e intrattenimento musicale!

Il trenino dei castelli: una giornata tra gusto e cultura in Val di Non

Volete provare un’esperienza nuova e divertente adatta a tutta la famiglia? Tutti i sabati da fine aprile a metà settembre il trenino dei castelli vi aspetta per scoprire la Val di Non e le sue meraviglie.

Assieme ad appassionate guide scoprirete i castelli della Val di Non e, tra una visita e l’altra, potrete gustare merende e pasti a base di prodotti locali: mele, formaggi di malga, panna fresca e tisane con le erbe delle nostre montagne!

Preventivo personalizzato e senza impegno
Preventivo personalizzato e senza impegno
Copyright © Pineta Nature Resort - P.Iva 00335100228 - Rea Trento 88284 - Cap. Sociale € 10.000
Realizzato con cura e amore da © Archimede | CREDITS