Sapori trentini con Mattia
torchiatura

Vino, un’esperienza unica, uno dei nostri grandi amori: scopriamo il VIN DE LA NEU…

 

Vin de la Neu: il vino trentino prodotto da Nicola Biasi a Coredo: storia e prezzi annate bottiglie

“Chi beve solo acqua ha un segreto da nascondere…” (Charles Baudelaire)

Vin de la Neu: vitigno, annate e prezzi

Vin de la Neu nasce da una idea di Nicola Biasi ed è un progetto inedito sia per il territorio in cui è stato concretizzato sia per la scelta varietale. Il territorio è il Trentino, comune di Predaia, nel cuore della Valle di Non.

Solo qui al Pineta potrai degustare ogni giorno un calice di Vin de la Neu dell’ultima annata. Un servizio unico per i nostri ospiti che potrà essere completato con una visita personalizzata in cantina, ma di questo vi spiegherò dopo…

Qui, nella particella 209, è stato piantato il primo vigneto in una zona nota per la produzione delle mele a pochi passi dal Pineta …

barrique

Il vino nelle nostre barrique è in maturazione… Vin de la Neu

La varietà selezionata è Johanniter, un ibrido in cui troviamo geni di Riesling e Pinot Grigio, la cui peculiarità è la naturale resistenza alle principali malattie fungine della vite. L’obiettivo è ottenere un vino originale e di alta qualità, nel pieno rispetto del territorio delle Dolomiti e dell’ambiente.

L’ambizione è di riproporre la viticoltura di qualità in un’area oggi dedicata alla coltivazione della mela, ma un tempo rifugio ideale per la vite.

Johanniter

Si torchiano le uve di Johanniter: diverrà Vin de la Neu

La salubrità dell’aria a queste quote rende più concreta la fattibilità di un progetto sperimentale con le nuove varietà resistenti. Inoltre, in un panorama di generale innalzamento delle temperature, che sta purtroppo suscitando non poche preoccupazioni e mutamenti anche in ambito agricolo, è di particolare interesse l’analisi di nuove opportunità riguardo a potenziali aree da dedicare alla viticoltura.

Al Pineta potrai degustare anche al calice l’ultima annata disponibile con il sistema Coravin (è il miglior strumento per proteggere il vino dall’ossidazione, grazie alla tecnologia brevettata che permette di versare il vino senza dover stappare la bottiglia). 

Quest’anno potrai provare il Vin de la Neu 2016 a € 16 al bicchiere.

Potrai degustare inoltre anche le altre annate disponibili in cantina:

  • Vin de la Neu 2016 – Coredo € 80,00
  • Vin de la Neu 2015 – Coredo € 100,00
  • Vin de la Neu 2014 – Coredo € 110,00
  • Vin de la Neu 2013 – Coredo € 110,00

Ora visitiamo la cantina …

Vi proporremo di visitare vigne e cantina al fianco dell’enologo e patron del Vin de la Neu o in compagnia di Andreas dove grazie alla loro esperienza si potrà capire come, dall’unione tra antiche tradizioni e moderne tecnologie di vinificazione, nascano vini di qualità internazionale.

Un servizio in esclusiva per il Pineta e i suoi ospiti … (da preventivare e accordare a parte).

vin

appena torchiato eccolo il primo Vin de la Neu

Ora ritorniamo a un po’ di storia e caratteristiche in più sul nostro Vin de la Neu…

IL VIGNETO si trova a 832 metri slm; ha una superficie attualmente coltivata di circa 1.000 mq. Sesto d’impianto: 1.00 m x 0.60 m – Ceppi per Ha: 16.600.

Il vigneto è stato ideato con l’obiettivo di ottenere uve di alta qualità. L’alta densità d’impianto permette di ridurre al minimo la produzione di grappoli per ogni ceppo e quindi di portarli con maggiore facilità a maturazione, nonostante l’altitudine e la latitudine.

vigna

Lavoro in vigna… solo a mano senza utilizzo di macchinari

Il sistema di allevamento scelto è l’alberello a ventaglio (o palmetta), che consente lo sviluppo della vite senza forzarla più del minimo indispensabile.

Il clone è il Fr 340. Sono stati scelti due diversi porta innesti in base alla tipologia di suolo: Kober 5BB, leggermente più vigoroso e quindi piantato su suolo più debole, e 125 AA, collocato nella parte più bassa della parcella.

L’attenzione per il territorio è stata un fattore determinante nelle scelte relative all’impianto: i pali, ad esempio, sono in larice non trattato.

Il larice è parte del naturale patrimonio boschivo della zona e la facile reperibilità dei materiali ha quindi ridotto l’impatto ambientale in fase di trasporto. Oltre alla totale assenza di trattamenti anticrittogamici non viene effettuato alcun diserbo e tutte le operazioni in vigneto vengono effettuate manualmente senza alcun intervento di mezzi a motore.

work

Si vendemmia sempre a mano.

Enoteca al Pineta… un servizio esclusivo!

Qui al Pineta non siamo solo esperti di enologia, ma soprattutto grandi amanti del vino. Assieme vi faremo scoprire l’affascinante mondo della viticoltura di montagna, trentina, altoatesina, ma non solo vivendo un’esperienza unica che coinvolgerà tutti i vostri sensi.

Durante l’anno vi faremo vivere infatti esperienze autentiche, con le persone e i vini di questa antica regione vinicola. Vi aspettano:

  • degustazioni con abbinamento di cene speciali in cantina del Bruno … gli ormai immancabili appuntamenti “a Cena con l’Ospite” dove grandi enologi ci guideranno nella degustazione durante la cena…
  • con Andreas Wine Tour tra le cantine migliori del Trentino Alto Adige con degustazione e accompagnamento…
  • ogni mese invitiamo inoltre in ristorante un vignaiolo che vi guiderà in wine dinner speciali.
neu

La cantina del Vin de la Neu, vi aspetta per una visita

Se in campo internazionale i vini trentini e altoatesini godono di fama e stima sempre maggiori, anche in patria c’è chi lavora ogni giorno sulla qualità guardando al futuro: i sommelier.
Qui al Pineta potrai contare su esperti qualificati in grado di raccontare la storia della viticoltura alpina oltre a consigliarti il vino da abbinare alla pietanza.

E non per ultimo vi ricordo che la nostra carta vini è disponibile con uno sconto del 20% sul listino del ristorante.

Ricordando anche però che il prezzo non sempre è sinonimo di eccellenza, vi presenteremo poi una lista di vini amici. Sono quei vini che non hanno bisogno di presentazione, quelli che mi hanno fatto emozionare, appena ci ho messo il naso dentro, sono i miei amori del 2019:

  • Trento Doc Riserva Methius Brut – Chardonnay – P.Nero – Dorigati – La moda passa, lo stile resta! La nostra bolla Trentina!
  • Pinot Bianco Cor 2016Corvèe Che vino.!!! La vera scoperta del 2018
  • Furore Bianco 2015 – Fiorduva – Marisa Cuomo Viticoltura “eroica”…per un bianco della costiera amalfitana, Favoloso!
  • Moratel 2014 Teroldego – Lagrein – C Sauvignon – Merlot – Cesconi Fruttato, avvolgente e profumatissimo…  My CHOICE
  • Palazzo alla Torre 2015Allegrini – Secondo me si sono sbagliati con il prezzo…APPROFITTATENE!!!
  • Poiema 2013 – Marzemino – Eugenio Rosi – La classe non è acqua…per fortuna il nostro Eugenio riesce ancora a stupirci.

Nicola Biasi si racconta in questo bel video (tratto da Vimeo).

Scopri anche il nostro mondo delle Birre artigianali Trentine e il festival di Cerevisia che si tiene in Val di Non ogni anno in maggio!

Nicola Sicher

0 commenti
Ti è piaciuto il Post?
scopri offerte