Vacanza Green
Passeggiata roccia Santuario san Romedio

5 facili passeggiate da fare in Val di Non

 

Dopo l’inverno, i primi raggi tiepidi del sole mettono una gran voglia di uscire all’aria aperta. La Val di Non, con il suo territorio ricco di sentieri, percorsi naturali e itinerari immersi nel verde è il luogo ideale dove ricaricare le batterie. In questo articolo vi suggeriamo 5 semplici passeggiate che potete fare in Val di Non non appena arriva la Primavera, magari partendo proprio dal Pineta Hotels.

A chi volesse godere qualche giorno di relax in famiglia qui al Pineta e magari fare una di queste meravigliose passeggiate, consigliamo la nostra offerta speciale “Estate 2018 in famiglia al Pineta“.

1. Passeggiata nella roccia al Santuario di San Romedio

Si tratta di una facile quanto emozionante passeggiata che attraversa la roccia, in un percorso unico che piace a tutti. Il sentiero parte dal Museo Retico di Sanzeno e si sviluppa per 2,5 km proprio nella roccia, sul tracciato di un antico canale irriguo ottocentesco. Il primo tratto costeggia i campi di meleti, per poi addentrarsi nella parete della montagna. La vista lungo la strada è mozzafiato, con scorci unici sulle meraviglie della natura di questa valle. Chi soffre di vertigini non deve temere nulla: la barriera in legno è sufficientemente alta per far sentire chiunque al sicuro.

Santuario di San Romedio

Santuario di San Romedio, a pochi minuti a piedi dal Pineta Hotels

Il percorso prosegue a tratti anche su una passerella di legno, sempre in totale sicurezza, fino ad arrivare al Santuario di San Romedio, uno dei più caratteristici eremi e testimoni della fede cristiana, abbarbicato sulla roccia. Contrariamente a come si potrebbe pensare, la passeggiata è adatta a tutti per il percorso pianeggiante e la lunghezza ragionevole: dal Museo Retico di Sanzeno al Santuario ci vogliono appena 45 minuti.

2. Passeggiata del Burrone al lago Smeraldo

La breve escursione parte dal paese di Fondo e percorre la stretta valle dei Molini, chiamata anche “passeggiata del Burrone”: si tratta infatti di un percorso scavato nella roccia, che attraversa la forra che collega il paese con il lago Smeraldo. Il Rio Sass ha scavato l’orrido nel corso degli anni e oggi permette a chi percorre il sentiero di ammirare tutta la potenza della natura. Lungo il percorso si possono vedere fossili, marmitte dei giganti, un antico lavatoio, un magnifico ponte romano e perfino la ricostruzione di un vecchio mulino.

Lago Smeraldo (meteoweb.eu)

Lago Smeraldo (meteoweb.eu)

In poco meno di mezz’ora si giunge al lago Smeraldo, un bacino artificiale realizzato per sbarrare il corso del Rio Fondo. Serve poi un’altra mezz’ora per fare il giro completo del lago.
Tutto il sentiero è percorribile con facilità e un po’ di accortezza da grandi e piccini, è attrezzato con pratiche e comode passerelle metalliche ed è illuminato anche nelle ore notturne.

3. Passeggiata dei due laghi

Un’altra passeggiata, semplice ma immersa nella natura, è il giro dei due laghi di Coredo e Tavon. Partendo proprio da Tavon, la frazione di Coredo dove si trova il Pineta Hotels, si percorre una strada forestale nel bosco. In appena mezz’ora si raggiunge località Palù, dove vi attendono i due laghetti di Coredo e Tavon.

Vista panoramica del laghetto artificiale di Coredo (RT)

Vista panoramica del laghetto artificiale di Coredo (foto Riccardo Tempo)

La passeggiata ad anello dura circa un’altra ora, ha un dislivello minimo (70 metri) ed è adatto a tutti, perché è pianeggiante e senza ostacoli. Per i più attivi è a disposizione anche un percorso vita e per i più coraggiosi anche un percorso kneipp, per riattivare la circolazione sanguigna dopo la passeggiata.

4. Passeggiata nel Parco Fluviale Novella

Il Parco Fluviale Novella è un percorso naturalistico che costeggia il torrente Novella per circa 3,5 km. Il parco, visitabile con l’accompagnamento delle guide, attraversa tre diversi comuni, Cloz, Dambel e Romallo: lungo il percorso si trovano gli antichi mulini di Cloz, i ruderi di una vecchia calcara e la prima centrale idroelettrica costruita in valle che è ancora in funzione. L’acqua conduce in questo bell’itinerario come una guida: dai boschi e dalle zone più soleggiate fino al cuore del canyon, dove la temperatura è più fresca. Qui si può ammirare tutta la potenza dell’acqua e della natura, e per i più curiosi le guide accompagnatrici sapranno spiegare l’interessante storia geologica del territorio.

Scorcio panoramico durante la gita al Parco Fluviale Novella

Scorcio panoramico durante la gita al Parco Fluviale Novella

Il percorso parte dalla località San Biagio, a valle del Comune di Romallo, è lungo 3,5 km e dura circa 2 ore; è attrezzato con passerelle metalliche ed è adatto a chiunque, ma ricordiamo che è consigliato a partire dai 3 anni e se non si soffre di claustrofobia o di problemi deambulatori.

5. Passeggiata al lago di Tovel

Il meraviglioso lago di Tovel è una delle mete preferite degli amanti della natura… e della fotografia! In ogni stagione infatti il lago di Tovel, con le sue acque a specchio, regala spettacoli unici: in primavera il risveglio della natura lo rende una meta fantastica per una passeggiata; in estate è il luogo ideale per un bagno rinfrescante, dato che si trova a 1178 metri; l’autunno lo veste di colori incredibili, tutti da fotografare, mentre in inverno è magico con il lago ghiacciato (si può perfino pattinare).

Il Lago di Tovel dal colore rosso in una foto di repertorio precedente al 1964 (mattinonline.ch)

Il Lago di Tovel dal colore rosso in una foto di repertorio precedente al 1964 (mattinonline.ch)

Si può raggiungere il lago di Tovel (clicca qui per la leggenda del lago rosso) da Tuenno, seguendo le indicazioni; in estate si può usufruire del bus navetta che porta fino allo Chalet Tovel, da cui si può iniziare la passeggiata. Il giro completo del lago si percorre in poco meno di un’ora e mezza. Il percorso si sviluppa quasi tutto in piano, a parte un piccolo tratto più ripido, ma sempre fattibile se si indossano comode scarpe da ginnastica: alcuni scalini e un cordino d’acciaio mantengono tutto il breve tragitto in sicurezza.

Quale di questi sentieri avete già provato? Scoprite le nostre prossime escursioni con le ciaspole, guidate dall’instancabile Livio e da Nicola: vi aspettiamo al Pineta!

Chiara Ruggeri, direttrice del sito viaggiandosimpara.org

0 commenti
Ti è piaciuto il Post?
scopri offerte