Giornata mondiale delle API: festeggiala con noi

Andrea_Paternoster-giornata-mondiale-api
 

Segnate in agenda: il 20 maggio è la Giornata mondiale delle api e vogliamo invitarvi a festeggiarla con noi lanciando – ovunque ci sia terra per accoglierle – le nostre bombe di fiori.

Per questa occasione, in tutta Europa Slow Food dà il via alla Flower Bomb Challenge, un gioco a cui speriamo vogliate partecipare in tantissimi. E visto che la campagna è europea, speriamo che gli italiani si facciano ben sentire! L’idea è di costruire le nostre “bombe di fiori” (un mix di semi di fiori selvatici e locali, argilla e terra) da spargere in giro, in giardino, in campagna, nei parchi e dovunque ci sia terra dove possano crescere.

Vi ho anticipato questo post per prepararvi in tempo per l’anno prossimo.. si perché quest’anno volevo partecipare al Challenge ma tra una cosa e l’altra non sono riuscito nemmeno io a prepararmi in tempo la mia Flower Bomb.. quindi non aspettate l’ultimo minuto ma organizzatevi in tempo!

Prima di cominciare, ecco solo una nota importante, ovvero… perché la Giornata Mondiale delle Api si festeggia proprio il 20 maggio? Perché il 20 maggio 1734 nacque Anton Jansa, pioniere delle tecniche di apicoltura moderne in Slovenia, nazione che ha voluto più di ogni altra l’istituzione di questa speciale giornata.

gioranta-mondiale-api-trentino

Come partecipare alla Flower Bomb Challenge?

Abbiamo bisogno del tuo aiuto per far crescere i fiori della “Flower Bomb Challenge” e soprattutto per raccogliere le firme necessarie per la Ice Salviamo le api e gli agricoltori. Come?

  • Firma e condividi l’Ice Salviamo le api e gli agricoltori
  • Invita i tuoi amici a fare lo stesso, taggane almeno tre e invitali a firmare l’Ice Salviamo le api e gli agricoltori sui tuoi profili social.
  • Fai un sacco di bombe di fiori! Scopri qui come prepararle. Non esitare a fare foto o video mentre le costruisci, pubblicale sui tuoi profili tagga tre amici per incoraggiarli a fare le loro bombe e a firmare l’Ice!
  • Dal 20 al 23 maggio, fotografa la tua mano con le tue bombe di fiori, lanciale in giro e pubblicale sui tuoi profili con gli hashtag #FlowerBombChallenge e #SaveBeesandFarmers e taggaci su Facebook Facebook (@Italia.slowfood @sfynitalia) Twitter (@SlowFoodItaly) e Instagram (@slow_food_italia, @sfynitaly)
  • Seguici per avere gli ultimi aggiornamenti sulla sfida e vedere cosa stiano facendo le altre persone

Divertenti e facili da realizzare, le “bombe di fiori” sono una dichiarazione forte: raccontano il nostro desiderio di vedere la natura prosperare di nuovo, anche nei luoghi più inaspettati. Possono infatti essere usate nel proprio giardino di casa, ma anche per rinverdire i terreni urbani (rotatorie trascurate, aiuole e fioriere ecc.); possono essere lanciate ovunque, purché ci sia del terreno sotto di esse.

Intanto, a proposito delle nostre amiche api, leggi il post sulla Festa del Miele di Croviana, centro della Val di Sole a due passi da Malè in cui si trova il bellissimo MMape, Museo Mulino dell’Ape.

ogni-ape-conta-api-giornata-mondiale

Perché una Flower Bomb Challenge ora?  

Gli insetti impollinatori (farfalle, api, bombi, ecc.) sono fondamentali: diffondono biodiversità e hanno un ruolo fondamentale per la crescita della maggior parte delle colture da cui dipende la nostra alimentazione. Senza di loro, un gran numero di specie vegetali e animali selvatiche e coltivate non esisterebbe più. Eppure, le monocolture industriali e l’uso di pesticidi tossici stanno decimando le colonie di api e impollinatori. 

Per questo Slow Food si è fatta promotrice dell’Iniziativa dei cittadini europei Salviamo le api e gli agricoltori

Sostenuta da centinaia di organizzazioni in tutta Europa, questa campagna mira a raccogliere un milione di firme in tutta Europa per obbligare le istituzioni europee a rispondere alla nostra richiesta: un’agricoltura che tuteli api e impollinatori, rispettosa di agricoltori, consumatori, animali e ambiente. Il nostro obiettivo con la Flower Bomb Challenge è di aumentare la consapevolezza sul drammatico declino degli impollinatori e della biodiversità a causa dell’uso di pesticidi tossici e delle monocolture, e di incoraggiare le persone ad agire per un futuro migliore, firmando l’Ice.

Come si prepara una bomba di fiori?

In questo mese di maggio, Slow Food invita ogni cittadino europeo a difendere impollinatori e biodiversità. È cominciata la Flower Bomb Challenge! I partecipanti hanno due settimane di tempo per realizzare le loro “bombe di fiori” (un mix di semi di fiori selvatici, argilla e terra) per poi spargerle in giro (in giardino, in balcone, o in spazi pubblici) durante la Giornata mondiale delle api il prossimo 20 maggio e tutto il fine settimana successivo.

Ma che cosa sono queste Flower Bombs e come si fanno? Di seguito proponiamo poche e semplici istruzioni, le bombe di fiori sono davvero facili e veloci da fare!

Una Flower Bomb è una piccola palla composta da una combinazione di compost, argilla e semi. Il compost e l’argilla servono da supporto per i semi in modo che possano essere lanciati oltre i muri o le recinzioni e in aree inaccessibili come terreni incolti o ferrovie.

Di quali fiori avete bisogno per la Flower Bomb?

  • Semi di fiori selvatici – dal tuo giardino o da un negozio di giardinaggio. È molto importante procurarsi semi di varietà autoctone, il rischio è di usare semi di infestanti. Vi consigliamo di informarvi sulla flora locale tipica e usare quei semi e non altri. (Puoi trovare i semi di Bee the Future qui e qui)
  • Polvere di argilla – da qualsiasi negozio di artigianato
  • Compost senza torba
  • Acqua
  • Una ciotola
  • Come fare, istruzioni passo dopo passo

Istruzioni

  1. Mescola una tazzina di semi con cinque tazzine di compost e 2-3 tazzine di argilla in polvere (puoi usare il terriccio se ce l’hai) in una ciotola
  2. Mescola lentamente l’acqua con le mani fino a quando tutto si miscela bene insieme
  3. Fare delle polpettine con il composto
  4. Lascia asciugare le palline in un posto soleggiato finché non diventano dure e poi lanciale
  5. Una volta asciutte, arriva la parte divertente! Pianta le tue bombe di semi lanciandole nelle parti spoglie del giardino o nei terreni incolti della città (rotatorie trascurate, aiuole e fioriere ecc.) e aspetta di vedere cosa salti fuori

Ti consigliamo di usare semi di fiori selvatici e di varietà autoctone (per non correre il rischio di generare infestanti) nelle tue bombe di fiori per avere più possibilità di attirare gli impollinatori. Le specie di fiori selvatici sono piante native o naturalizzate che crescono da sole, senza coltivazione o assistenza. Molti impollinatori sono anche nativi della zona e cercano le piante che crescono nel loro ambiente naturale. Fa parte del piano della natura: i fiori selvatici e gli impollinatori hanno bisogno l’uno dell’altro per sopravvivere!

Altro suggerimento. Lanciate le bombe il prima possibile, per impastarle si usa l’acqua e quindi i semi iniziano a germinare. Lasciarli troppo a lungo comprometterebbe la vita del seme.

Non vediamo l’ora di vedere le vostre bombe di fiori, quindi non esitate a condividere le vostre immagini in azione con noi sui social!

E non dimenticare di firmare e condividere
l’Iniziativa dei cittadini europei #SaveBeesandFarmers.

Pineta Nature Resort, ti aspettiamo! Scopri qui qualche info in più sul nostro resort trentino, situato in Val di Non, terra di mele, laghi e castelli!


Lascia un commento