Giornata mondiale dell’ambiente 2021

lago Trenta sulle maddalene
 

Il prossimo 5 giugno 2021, si celebrerà la Giornata Mondiale dell’Ambiente.

Il tema della Giornata di quest’anno sarà il “Ripristino degli Ecosistemi”, con l’obiettivo di prevenire, fermare e invertire i danni inflitti agli ecosistemi del pianeta, cercando dunque di passare dallo sfruttamento della natura alla sua guarigione.

La missione globale è far rivivere miliardi di ettari, dalle foreste ai terreni agricoli, dalla cima delle montagne alle profondità del mare.

Un ecosistema è una comunità di specie diverse che vivono in un particolare luogo. Tra gli organismi di un ecosistema e l’ambiente si innestano delle relazioni che danno vita a un continuo scambio di materia ed energia. 

Tutti i giorni usufruiamo in maniera inconsapevole dei benefici che ci offrono gli ecosistemi naturali. Si pensi, per esempio, alla ciclicità del clima, all’atmosfera, a ciò che viene generato dall’impollinazione, alla produzione di cibo.

Risanamento dell’ecosistema e cambiamento climatico dovrebbero essere priorità per le agende politiche di tutto il mondo. È importante ricordarlo soprattutto nel mezzo dell’attuale pandemia, poiché c’è il rischio che la gravità della crisi sanitaria ed economica provocata dal Covid-19 porti a mettere in secondo piano queste tematiche. È indispensabile, inoltre, ridurre le possibilità di nuove crisi simili.

Queste tematiche potrebbero sembrare molto complicate e lontane dal nostro quotidiano ma se ciascuno di noi, nel proprio piccolo riuscisse a cambiare le abitudini sbagliate, avremmo fatto già dei passi avanti.

Il pineta visto dall'alto, Pineta Nature Resort
Il Pineta visto dall’alto, Pineta Nature Resort

Ormai sappiamo quasi tutti ciò che possiamo fare nel nostro quotidiano:

  • ridurre l’utilizzo di acqua
  • ridurre i rifiuti
  • ridurre l’impatto ambientale della produzione di energia (banalmente, spegnere la luce quando non serve)
  • rispetto per l’ambiente a tutela della biodiversità: tanta deforestazione e tante specie in via di estinzione stanno causano un disequilibrio all’interno degli ecosistemi.

Il Pineta nel suo piccolo è ormai da anni molto sensibile a questi temi: la nostra politica green spazia dalla produzione di energia tramite pannelli fotovoltaici e caldaia a biomassa, fino alla scelta di materie prime sostenibili, a detersivi ecologici, gestione dei rifiuti e tanto altro.

Sensibilizziamo i nostri collaboratori e ospiti al rispetto per la natura, a cercare di preservarla anche con i nostri piccoli gesti.

Di recente abbiamo pensato di regalare all’ospite in partenza una piccola pigna raccolta nel bosco, come simbolo di rinascita: noi del Pineta verseremo l’equivalente di un omaggio che avremmo fatto all’ospite per piantare un albero nel bosco (dopo la tempesta Vaia del 2018).

Per quanto riguarda la scelta delle materie prime in cucina ci siamo sempre orientati su prodotti di stagione e del territorio: è un ottimo connubio tra “buono, pulito e giusto”.

Siamo infatti sostenitori di Slow Food e di molti suoi progetti legati alla tutela della biodiversità, tra cui quello che coinvolge direttamente i produttori: i Presìdi.

I Presìdi intervengono concretamente per salvaguardare un prodotto tradizionale, una tecnica tradizionale (di pesca, allevamento, trasformazione, coltivazione), un paesaggio rurale o un ecosistema.

Nella nostra zona possiamo vantarci di molteplici prodotti a marchio Slow Food che sono protagonisti dei nostri piatti: il formaggio Casolet a latte crudo della Val di Pejo, la noce di Bleggio, l’olio extra vergine d’oliva del Garda, il Puzzone di Moena, il Trentingrana di alpeggio, la Razza Bovina Grigio Alpina solo per citarne alcuni.

Pur trattandosi di semplici gesti riteniamo che siano comunque importanti, anche solo per dare l’esempio alle generazioni future. Educarli ad un rispetto per l’ambiente e per il prossimo.

Tutti possiamo fare qualcosa, nei nostri territori, ogni giorno.

Vieni a scoprire in realtà cosa facciamo noi per l’ambiente! Approfitta della nostra offerta: Alla scoperta del lago di Tovel e il Parco Naturale Adamello-Brenta il nostro parco di casa, culla della biodiversità e dei bellissimi ORSI del Trentino.

Non scoraggiamoci su ciò che abbiamo perso, ma concentriamoci su ciò che possiamo ancora salvare.


Lascia un commento