Caravaggio al MART di Rovereto dal 9 ottobre!

Seppellimento di Santa Lucia
 

Dal 9 ottobre, al MART di Rovereto, potremo ammirare la straordinaria tela “Seppellimento di Santa Lucia” realizzata nel 1608 da Caravaggio. Finalmente dunque questo grande artista sbarca in Trentino, come ha ricordato con orgoglio Vittorio Sgarbi, presidente del MART nonché presidente onorario della Commissione Grandi Eventi del Trentino.

Prima di passare a qualche dettaglio in più sull’opera e sulla mostra “Caravaggio. Il contemporaneo“, nel prossimo paragrafo vi forniremo le info utili per andare a visitarla.

“CARAVAGGIO. IL CONTEMPORANEO”: DATE, ORARI, TARIFFE

Ecco a voi, dunque, la scheda tecnica della mostra dedicata a Caravaggio (e… non solo!):

  • Data dell’esposizione: 10 ottobre – 9 dicembre 2020
  • Sede: MART di Rovereto, corso Bettini 43
  • Orari: martedì – domenica 10 – 18; venerdì 10 – 21; lunedì chiuso
  • Tariffe: intero 11 euro, ridotto gruppi 7 euro, biglietto famiglia 22 euro, gratis fino a 14 anni e persone con disabilità. Biglietto unico 3 sedi MART – Casa Depero – Galleria Civica: intero 14 euro, ridotto 10 euro
MART di Rovereto
  • Info e prenotazione: numero verde 800 397760, mail info@mart.trento.it
  • Prenotazione obbligatoria visite guidate per gruppi: almeno 15 giorni prima dell visita al nr. verde indicato sopra (valido solo per l’Italia). Dall’estero contattate invece il nr. +39 0465 670820
  • Tariffa visite guidate: gruppi 60 euro, gruppi in lingua tedesca / inglese 100 euro, scolaresche 60 euro, scolaresche in lingua tedesca / inglese 65 euro. Gruppi max 10 persone
  • Prevendite online: www.mart.trento.it nella sezione “Prenotazione e acquisto biglietti” e www.biglietti.mioticket.it

Prima di passare a qualche info in più sulla mostra, vi ricordiamo che gli ospiti del Pineta potranno usufruire della convenzione per un pranzo all’Alfio Ghezzi Bistrot.

SEPPELLIMENTO DI SANTA LUCIA

Nel 1608 Caravaggio, condannato alla decapitazione e continuamente in fuga, evase da Malta e giunse a Siracusa. Qui realizzò il Seppellimento di Santa Lucia per l’altare maggiore della Basilica di Santa Lucia al Sepolcro, nel luogo dove, secondo la tradizione, la santa era stata martirizzata e sepolta.

La scena sembra collocata negli ambienti sotterranei e bui delle note latomie sottostanti la Chiesa, in cui si trova il sepolcro della martire. Si tratta di un Caravaggio ormai maturo, ossessionato dall’idea della decapitazione, maestro nella regia di composizioni articolate in dipinti sempre più silenti e spirituali.

Seppellimento di Santa Lucia
“Seppellimento di Santa Lucia”, dettaglio

La sua forza espressiva emerge soprattutto dal rapporto tra personaggi e spazio scenografico, dalla tensione conferita dalla luce guizzante e dall’impiego di un linguaggio fortemente realista. Nelle mura sullo sfondo della scena, che occupano quasi i due terzi del dipinto senza nessuna figura, si percepisce il senso della forma che si sgretola, della forma che diventa “non-forma”, nella quale lo spettatore contemporaneo può individuare stilemi espressivi accostabili all’Informale.

PALINSESTO DEL MART: DA CARAVAGGIO A DEPERO, PASSANDO PER BOLDINI

Il nuovo palinsesto del MART attraversa i secoli, mettendo al centro il rapporto tra antico e contemporaneo. Si partirà con il “Seppellimento di Santa Lucia” realizzato da Michelangelo Merisi, detto il Caravaggio. Quest’opera, solitamente conservata presso la chiesa di Santa Lucia alla Badia a Siracusa, venne dipinta dall’artista proprio nella città siciliana nel 1608.

Seguendo liaisons concettuali, il MART propone un confronto tra questo capolavoro e una selezione di opere di Alberto Burri, il grande maestro dell’Informale italiano. In un continuo rimando tra immagini, simboli e affinità, completano la mostra il grande dipinto I naufraghi (1934) di Cagnaccio di San Pietro, le opere dell’artista Nicola Verlato e del fotografo Massimo Siragusa, alcune fotografie sulla vita e la morte di Pier Paolo Pasolini.

“Naufraghi” di Cagnaccio di San Pietro

Dal 14 novembre 2020 al 28 febbraio 2021 sarà inoltre possibile partecipare alla straordinaria mostra “Giovanni Boldini. Il piacere“, mentre a dicembre ne verrà inaugurata una su Fortunato Depero (“Depero mito presente“).

Noi ti aspettiamo al Pineta Nature Resort per una vacanza di relax, in cui potrai godere di un centro benessere con SPA, beauty farm, piscina e idromassaggio e … dove potrai degustare le prelibatezze trentine preparate da chef Mattia e dal suo fantastico staff!

Per saperne invece di più sugli eventi organizzati al MART, ti invitiamo a visitare il sito mart.trento.it.

Riccardo Tempo


Lascia un commento