Dolomiti Brenta Bike on tour

Piste ciclabili per tutti i gusti anche in @Valdinon

Con l’arrivo della primavera il Trentino, con le sue verdi vallate e i suoi panorami suggestivi, è una terra fatta su misura per gli amanti della bicicletta.

Per garantire ad ospiti e residenti la mobilità alternativa, è presente una rete di percorsi ciclopedonali che copre l’intero territorio provinciale e che oggi conta 431 chilometri di strade, cifra che è destinata ad aumentare in quanto vi sono importanti tratti in cantiere.

Dolomiti-brenta-Bike_val-di-non_trentino-alto-adige_wellness-bike-hotel_percorsi-mtb-sulle-alpiDBB_2008_002-87

Le undici piste ciclopedonali sono riservate a pedoni e ciclisti e possono essere percorse anche da chi utilizza i «roller». A tutti è assicurato un alto grado di sicurezza, che rende adatta l’infrastruttura anche alla frequentazione dei bambini. Ogni tratto è stato classificato secondo tre gradi di difficoltà: con il colore verde vengono identificati i tragitti adatti anche ai bambini di età inferiore ai 12 anni non esperti nell’uso della bicicletta, con il giallo le piste con salite e discese brevi, e quindi adatte a famiglie con bambini mediamente preparati, con il rosso i tratti sconsigliati ai più piccoli vista la presenza di dislivelli notevoli.

Qui in Predia con partenza direttamente dietro il Pineta dall’anno scorso si possono fare i percorsi del PREDAIA MTB

L’Altopiano della Predaia, soleggiato balcone che si estende tra prati e boschi dal Corno di Tres fino al Monte Roen, grazie alla sua conformazione dolce e lineare è uno dei teatri ideali per praticare le due ruote in Val di Non. Il Patto Territoriale della Predaia in collaborazione con il Servizio Conservazione della Natura e Valorizzazione Ambientale della Provincia di Trento ha identificato sul proprio territorio quattro itinerari per mountain bike di lunghezza e difficoltà diversa. Tutti i percorsi sono dotati di apposita segnaletica di colore bianco-rosso riconoscibile dalla presenza del logo “Predaia MTB”. Ognuno dei 4 itinerari ha inizio dal centro del paese di Coredo e, sviluppandosi su strade dal fondo asfaltato, cementato e sterrato, sono adatti per essere percorsi con la mountain bike.

Ecco i percorsi:

cartina-4-percorsi-predaia-MTB-SILVIA-455x488

PERCORSO PREDAIA MTB NUMERO 1 Dati tecnici: lunghezza 50 km, dislivello in salita 1400 m

Partendo da Palazzo Nero a Coredo si seguono le indicazioni per il percorso “Predaia MTB Numero 1” che inizialmente sale leggermente in località “Dossi” per raggiungere il parco giochi di Tavon e proseguire poi fino al bivio per il Santuario di San Romedio. Qui il tracciato si separa dai percorsi n. 3 e 4 e scende fino al ponte sul Rio Verdès. Imboccando la sterrata pianeggiante sulla sinistra si raggiunge in pochi minuti il famoso Santuario di San Romedio, uno dei simboli della Val di Non e uno degli eremi più caratteristici d’Europa con le sue cinque chiesette inerpicate sulla roccia. Dal Santuario si ripercorre in senso inverso la sterrata e arrivati al ponte sul rio si prosegue diritti per risalire la lunga Val di Verdès, aggirarla e raggiungere sul versante opposto la tranquilla località “Sette Larici”. Seguendo ancora le indicazioni “Predaia MTB Numero 1” si imbocca ora la strada in direzione Malga di Coredo in salita costante fino  alla località “Val de Lama” per proseguire poi pianeggianti fino al panoramico Rifugio Predaia “Ai Todes Ci”. Da qui inizia una ripida discesa cementata che porta velocemente fino al Rifugio Sores e all’adiacente Sores Park, un divertente parco avventura costruito sugli alberi adatto a tutta la famiglia. Seguendo sempre l’apposita segnaletica si procede in discesa fino alla località “Lovere” dove il percorso si sovrappone per un tratto all’itinerario “Predaia MTB numero 3” e raggiunge in discesa l’abitato di Vervò. Qui il tracciato si separa e scende sul fondo di una valletta dove inizia la salita fino al bivio per la Malga di Vervò, raggiungibile dopo un dislivello di circa 50 metri. Si procede su falsopiano per poi imboccare una ripida discesa che offre vedute panoramiche su Castel Thun, l’altro simbolo culturale della valle, e porta all’ingresso dello stesso dove naturalmente è consigliabile sostare per una visita. Abbandonato il castello si scende ulteriormente fino al torrente Pongaiola dove ha inizio la risalita fino all’abitato di Vion. Da Vion il percorso 1 prosegue pianeggiante fino alla località “Tre Confini” dove si sovrappone nuovamente agli itinerari 2 e 3 imboccando sulla sinistra la salita finale che dopo aver affiancato l’affascinante figura di Castel Bragher riporta nel paese di Coredo.

PERCORSO PREDAIA MTB NUMERO 2  Dati tecnici: lunghezza 35 km, dislivello in salita 700 m

Partendo da Palazzo Nero a Coredo si seguono le indicazioni per il percorso “Predaia MTB Numero 2” che sale leggermente in località “Dossi” per raggiungere il parco giochi di Tavon e prosegue fino al bivio per il Santuario di San Romedio. Qui il tracciato si separa dai percorsi n. 3 e 4 e scende fino al ponte sul Rio Verdès. Imboccando la sterrata pianeggiante sulla sinistra si raggiunge in pochi minuti il famoso Santuario di San Romedio, uno dei simboli della Val di Non e uno degli eremi più caratteristici d’Europa con le sue cinque chiesette inerpicate sulla roccia. Dal Santuario si ripercorre in senso inverso la sterrata e arrivati al ponte sul rio si prosegue diritti per risale la lunga Val di Verdès, aggirarla e giungere sul versante opposto la tranquilla località “Sette Larici”. Qui si imbocca per un breve tratto la strada asfaltata che conduce velocemente al “Predaia Park”, un simpatico parco divertimenti adiacente alle piste da sci dedicato ai bambini, per poi svoltare a destra e scendere in località “Credai”. Seguendo la segnaletica del percorso n. 2 si prosegue nel bosco pianeggiante per poi risalire il pendio e ricongiungersi alla strada asfaltata che riporta al Predaia Park e poi scende fino al Sores Park, un divertente parco avventura costruito sugli alberi adatto a tutta la famiglia. Seguendo sempre l’apposita segnaletica si procede in discesa fino alla località “Lovere” dove il percorso si sovrappone per un tratto all’itinerario “Predaia MTB Numero 3” e raggiunge in discesa l’abitato di Vervò. La discesa continua fino alla località “3 Confini” dove seguendo l’apposita segnaletica si imbocca sulla destra la salita finale che dopo aver affiancato l’affascinante figura di Castel Bragher riporta nel paese di Coredo.

Dolomiti-brenta-Bike_val-di-non_trentino-alto-adige_wellness-bike-hotel_percorsi-mtb-sulle-alpiDBB_2008_002-58-455x302

Wellness & Bike al Pineta si può..

PERCORSO PREDAIA MTB NUMERO 3 Dati tecnici: lunghezza 27 km, dislivello in salita 725 m

Partendo da Palazzo Nero a Coredo si seguono le indicazioni per il percorso “Predaia MTB Numero 3” che sale leggermente in località “Dossi” per raggiungere il parco giochi di Tavon e prosegue fino al bivio per il Santuario di San Romedio da dove si separano gli itinerari 1 e 2. Si prosegue quindi pianeggianti fino alla segheria veneziana che sorge in località “Due Laghi”, bell’esempio delle antiche segherie costruite in Trentino a partire dal XIII secolo. Da qui inizia una salita di circa 2 km che porta in località “Merlonga”. Procedendo lungo le indicazioni si percorre il pianeggiante “Sentiero Panoramico” che porta a due terrazze con punto veduta sui Due Laghi e sul Santuario di San Romedio, uno dei simboli della Val di Non e uno degli eremi più caratteristici d’Europa con le sue cinque chiesette inerpicate sulla roccia. Un ultima breve salita conduce in cima al bosco per raggiungere poi in piano gli abitati di Smarano e Sfruz. Qui il “Predaia MTB Numero 3”  si separa dal percorso n. 4 e procede in salita fino alla località “Lovere” dove si riunisce ai percorsi  n. 1 e 2 e raggiunge in discesa l’abitato di Vervò. La discesa continua fino alla località “3 Confini” dove seguendo l’apposita segnaletica si imbocca sulla destra la salita finale che dopo aver affiancato l’affascinante figura di Castel Bragher riporta nel paese di Coredo.

Dolomiti-brenta-Bike_val-di-non_trentino-alto-adige_wellness-bike-hotel_percorsi-mtb-sulle-alpiDBB_2008_002-48-455x302

Una buona colazione prima dell’escursione di oggi..

PERCORSO PREDAIA MTB NUMERO 4 Dati tecnici: lunghezza 15 km, dislivello in salita 360 m

Partendo da Palazzo Nero a Coredo si seguono le indicazioni per il percorso “Predaia MTB Numero 3” che sale leggermente in località “Dossi” per raggiungere il parco giochi di Tavon e prosegue fino al bivio per il Santuario di San Romedio da dove si separano gli itinerari 1 e 2. Si prosegue quindi pianeggianti fino alla segheria veneziana che sorge in località “Due Laghi”, bell’esempio delle antiche segherie costruite in Trentino a partire dal XIII secolo. Da qui inizia una salita di circa 2 km che porta in località “Merlonga”. Procedendo lungo le indicazioni si percorre il pianeggiante “Sentiero Panoramico” che porta a due terrazze con punto veduta sui Due Laghi e sul Santuario di San Romedio, uno dei simboli della Val di Non e uno degli eremi più caratteristici d’Europa con le sue cinque chiesette inerpicate sulla roccia. Un ultima breve salita conduce in cima al bosco per raggiungere poi in piano gli abitati di Smarano e Sfruz. Qui il “Predaia MTB Numero 4”  si separa dal percorso n. 3 e in discesa raggiunge il centro di Coredo.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>